Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La sede di Syngenta a Basilea (foto d'archivio).

KEYSTONE/GEORGIOS KEFALAS

(sda-ats)

Il gruppo agrochimico basilese Syngenta ha generato lo scorso anno un utile di 1,18 miliardi di dollari, in calo del 12% su base annua. Il fatturato si è ridotto del 5% a 12,79 miliardi di dollari. A tassi di cambio costanti le vendite sono diminuite del 2%.

Il gruppo rinuncia a versare dividendi ordinari e ritiene che la fusione con il colosso cinese ChemChina sarà portata a termine come previsto nel secondo trimestre 2017.

I ricavi operativi sono scesi dell'11% a 1,65 miliardi di dollari. Il risultato Ebitda ha registrato una riduzione del 4% a 2,66 miliardi di dollari, ma è salito del 2% a tassi costanti, per un corrispondente margine che si è fissato al 20,8%, equivalente a quello dell'esercizio precedente.

La performance annunciata stamane corrisponde in parte alle previsioni degli analisti consultati dall'agenzia finanziaria AWP, che avevano pronosticato un giro d'affari di 12,83 miliardi di dollari, un Ebitda di 2,60 miliardi e un utile netto di 1,24 miliardi.

"Syngenta ha mantenuto la sua performance malgrado un anno difficile per l'industria agroalimentare, con redditività e prezzi bassi in numerosi settori", ha fatto sapere il Ceo Erik Fyrwald, citato in un comunicato.

Quanto alla vendita dell'azienda a ChemChina, la direzione stima di di poter chiudere la transazione nel secondo trimestre dell'anno. L'operazione, da 43 miliardi di dollari, ha provocato dubbi per motivi di sicurezza nazionale negli Usa e per ragioni di concorrenza sul piano internazionale.

Nel frattempo sono stati fatti progressi significativi nella procedura di approvazione da parte delle autorità regolamentari. Allo stato attuale, afferma Syngenta sono stati ottenuti i via libera da 13 Paesi, mentre sono ancora pendenti quelli relativi a Brasile, Canada, Cina, Ue, India, Messico e Usa.

Non vi saranno dividendi ordinari: come già annunciato il versamento di un dividendo straordinario di 5 franchi dipenderà dall'esito della transazione in corso. Per l'esercizio corrente Syngenta mira a una leggera crescita del volume d'affari a tassi costanti e a un miglioramento del margine Ebitda.

SDA-ATS