Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Immagine d'archivio.

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

La ferrovia a cremagliera del Rigi sul versante svittese a partire da Goldau (SZ) è stata chiusa stamane dopo che circa 100 metri cubi di roccia sono franati fino ai margini dei binari tra le due stazioni intermedie di Kräbel e Fruttli.

Sussiste infatti un ulteriore pericolo di caduta di sassi.

Durante un controllo effettuato ieri sera sulla parete rocciosa nella zona di Kräbel, poco sopra Goldau, ci si è accorti che le reti di protezione contro la caduta di sassi si erano inaspettatamente riempite, verosimilmente a causa del disgelo, ha detto all'ats Stefan Otz delle Ferrovie del Rigi.

Per motivi di sicurezza, per altri controlli e per lo sgombero delle rocce il tratto ferroviario è stato così immediatamente chiuso e lo rimarrà perlomeno fino a domani. Entro il fine-settimana dovrebbe comunque essere riaperto.

La vetta panoramica del Rigi rimane accessibile per ferrovia attualmente solo a partire da Viznau, sulla riva lucernese del lago dei Quattro Cantoni. Tra Goldau e questa località sono in servizio autobus-navetta. Gli altri impianti di risalita sulla montagna, come la funivia da Weggis (LU) sono normalmente aperti.

SDA-ATS