Tutte le notizie in breve

Un'immagine simbolica mostra un uomo alle prese con un telefonino (foto d'archivio).

Keystone/PETRA OROSZ

(sda-ats)

L'Isis adesca potenziali terroristi attraverso i social media, in maniera sistematica e mirata. Su questa nuova arte di reclutamento sta indagando da due mesi una commissione speciale della polizia criminale bavarese, denominata 'Luglio'.

L'indagine è stata poi assunta dalla procura federale di Karlsruhe, competente per questioni di terrorismo.

Lo rivela la Sueddeutsche Zeitung, secondo cui la commissione speciale è stata creata dopo gli attentati di luglio a Wuerzburg e Ansbach. Nel primo caso, in particolare, gli inquirenti hanno potuto ricostruire la comunicazione avvenuta poche ore prima dell'azione fra l'attentatore che ferì con l'ascia un gruppo di turisti cinesi su un treno regionale e il suo reclutatore. In tale comunicazione, quest'ultimo suggerì anche il tipo d'arma con il quale compiere l'attentato: "Non farlo con il coltello, usa un'ascia", riporta la Sueddeutsche in un estratto della comunicazione.

Lo stesso ministro dell'Interno bavarese Joachim Hermann ha descritto questo "nuovo tipo di attentatore 'teleguidato' come una nuova categoria che bisogna tenere bene sotto controllo", ha proseguito il quotidiano di Monaco, soprattutto "cercando di scoprire le vie e le chiavi di comunicazione".

sda-ats

 Tutte le notizie in breve