Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le condizioni del carcere ginevrino di Champ-Dollon continuano ad occupare il Tribunale federale (TF): i giudici hanno ritenuto illecite le modalità di carcerazione a cui è stato sottoposto un prigioniero per 599 giorni, rende noto oggi il suo avvocato Robert Assaël.

Condannato nel 2015 a nove anni di reclusione per tentato assassinio, l'uomo si è lamentato per essere stato costretto a condividere con cinque persone una cella destinata a tre carcerati, disponendo in questo modo di uno spazio personale inferiore a 4 mq.

Le ore che l'uomo ha trascorso quotidianamente all'esterno della cella - in particolare per lavorare - non bastano per rendere le condizioni di detenzione compatibili con la Convenzione europea dei diritti dell'uomo, costata il TF.

La Corte suprema ha condannato a più riprese negli ultimi anni le condizioni di carcerazione di Champ-Dollon. Secondo il legale del ricorrente, la durata di 599 giorni rappresenta tuttavia un "primato" in materia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS