Tutte le notizie in breve

Il procuratore generale della Confederazione Michael Lauber (nella fotografia) è stato denunciato per falsa testimonianza da un difensore di di Dieter Behring.

KEYSTONE/TI-PRESS/GABRIELE PUTZU

(sda-ats)

Una denuncia per falsa testimonianza è stata sporta contro il procuratore generale della Confederazione Michael Lauber da un difensore di Dieter Behring, l'ex finanziare basilese attualmente sotto processo davanti al Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona.

La denuncia è stata trasmessa oggi dal TPF al Ministero pubblico della Confederazione (MPC), ha dichiarato stamane, in concomitanza con l'inizio della requisitoria del processo, il portavoce dell'MPC André Marty.

Il 61enne Behring è accusato di aver truffato 2000 risparmiatori per un importo totale di 800 milioni di franchi tra il settembre 1998 e l'ottobre 2004.

All'inizio del processo, lo scorso 30 maggio, l'avvocato Bruno Steiner aveva espresso il sospetto che nel 2012 il TPF e l'MPC, per facilitarsi il compito, avessero trovato un'intesa per portare avanti il procedimento penale solo nei confronti di Behring, lasciando invece cadere quelli avviati contro altre nove persone implicate nella vicenda.

Il procuratore Lauber era stato a sua volta chiamato a deporre ed aveva negato che contro i coimputati fossero già stati redatti atti di accusa. Un dipendente dell'MPC aveva in seguito dichiarato di aver visto bozze di quegli atti e il procuratore ha in seguito ammesso di aver trovato i documenti in questione, che tuttavia erano ancora lacunosi e ben lungi dal rappresentare atti d'accusa veri e propri.

I documenti consegnati dieci giorni fa alla corte risalgono a prima che il caso Behring fosse trasferito al procuratore federale attualmente incaricato di sostenere l'accusa. Il trasferimento era avvenuto nell'autunno 2012, dopo che l'MPC decise di concentrare la sua attenzione sul principale imputato.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve