Trump: nasce movimento protesta "resisti tasse"


 Tutte le notizie in breve

Gloria Steinem, la storica leader del femminismo (foto d'archivio).

KEYSTONE/FR159526 AP/JOSE LUIS MAGANA

(sda-ats)

Come durante la guerra in Vietnam, torna negli Stati Uniti il movimento "resisti tasse". Con Mia Farrow e Gloria Steinem come testimonial, cresce il numero di oppositori di Donald Trump pronti a evadere il fisco federale.

L'obiettivo è di non fornire all'amministrazione fondi per politiche su cui non si è d'accordo. Parte dell'appeal del movimento è il fatto che lo stesso presidente Trump non ha ancora reso pubbliche le sue dichiarazioni dei redditi.

"Se paghi le tasse diventi complice. Non voglio che i miei soldi vadano a costruire il muro con il Messico", ha spiegato al Guardian Andrew Newman, professore di letteratura all'Università Statale di New York e uno dei nuovi "obiettori fiscali".

All'insegna della disobbedienza civile, il movimento "resisti tasse" ha radici antiche: il primo a farsene paladino è stato il filosofo e scrittore Henri David Thoreau, che obiettò al fisco per protestare contro la schiavitù e per questo nel 1846 finì in prigione.

Tra gli obiettori di oggi, la storica leader del femminismo Gloria Steinem ha rievocato quando nel 1968 rifiutò di pagare il 10% della sua bolletta fiscale per protesta contro la guerra in Vietnam. Stavolta la Steinem girerà i fondi a Planned Parenthood, la rete di consultori familiari a cui l'amministrazione Trump vuole tagliare i fondi.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve