Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Momenti difficili per il candidato repubblicano.

KEYSTONE/AP/EVAN VUCCI

(sda-ats)

I repubblicani si spaccano su Donald Trump: allo speaker della camera Paul Ryan che ne prende le distanze dicendosi non più disposto a difenderlo, si contrappone il Republican National Committee e il suo presidente Reince Priebus che ribadiscono il loro appoggio.

E intanto Hillary Clinton vola nei sondaggi.

''Voglio chiarire che il Comitato nazionale repubblicano si coordina in pieno con la campagna di Trump, con la quale abbiamo un buon rapporto. Se c'è un messaggio da cogliere in questa telefonata è questo'', afferma Priebus durante una conferenza telefonica con gli altri membri del comitato. Un confronto durato 14 minuti, riporta la stampa americana. E durante il quale Priebus non ha mancato di ribadire più volte il concetto: ''Nulla è cambiato in merito ai rapporti'' con la campagna di Trump. ''Restiamo impegnati nell'assumere decisioni su come gestire'' la campagna ''a livello nazionale. Tutto procede. Voglio che lo capiate bene''.

La parole chiare di Priebus si contrappongono a quelle fredde e dure di Ryan, lasciando intravedere la 'guerra' interna al partito repubblicano. Una 'guerra civile', come molti l'hanno definita. E una guerra costosa per il partito, che emerge sempre più come il vero perdente della campagna, spaccato da Trump. Il silenzio del Republican National Committee da venerdì a lunedì ha creato confusione nel partito e fuori. Ma Priebus spiega il silenzio 'consapevole'. ''Nelle ultime 24 ore, 36 ore, ci sono state molte false voci sui quali non ci siamo voluti esprimere prima del dibattito di domenica, che era molto importante'' mette in evidenza Priebus, definendo le scuse di Trump sul video sessista 'sincere'. ''Sono contento che Donald si sia scusato diverse volte. Si è scusato con gli americani, si è scusato con la famiglia. Era imbarazzato. Posso dire onestamente che era sincero perché l'ho visto durante il fine settimana. Le scuse non erano solo qualcosa per il dibattito''.

L'inasprirsi delle tensioni all'interno del partito repubblicano arriva a poche ore dal secondo dibattito tv tra i due candidati alla presidenza degli Stati Uniti, che ha visto incollate allo schermo 66,5 milioni di persone e Hillary Clinton affermarsi nuovamente contro il tycoon. Una vittoria che si riflette anche negli ultimi sondaggi, che danno la democratica avanti di 11 punti su Trump, quando al voto manca poco meno di un mese.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS