Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan

KEYSTONE/AP Presidency Press Service

(sda-ats)

"I governi europei non sono sinceri", perché non hanno ancora mantenuto le loro promesse. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, nell'intervista concessa alla tv pubblica Ard e trasmessa nella tarda serata di ieri.

"Erano stati promessi tre miliardi, per ora è arrivata solo una somma simbolica", ha detto Erdogan, citando una cifra tra uno e due milioni.

"Noi manteniamo le nostre promesse, ma l'Ue mantiene le sue?", ha concluso il presidente turco, ribadendo la richiesta di far entrare in vigore l'accordo sulla liberalizzazione dei visti. Erdogan ha inoltre giustificato la possibile reintroduzione della pena di morte come risposta al fallito colpo di Stato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS