Tutte le notizie in breve

Animalisti in veglia per il gorilla ucciso.

KEYSTONE/AP/JOHN MINCHILLO

(sda-ats)

È polemica sull'uccisione di un gorilla allo zoo di Cincinnati, in Ohio, dopo che un bimbo di quattro anni è caduto nel suo recinto.

Mentre è in corso una veglia per ricordarlo, in molti puntano il dito contro i genitori del bimbo, che andrebbero punti per non averlo adeguatamente sorvegliato.

Una "morte senza senso", affermano alcuni animalisti riuniti davanti allo zoo per ricordare Harambe, gorilla di 17 anni appartenente a una specie a rischio. Secondo alcuni testimoni, Harambe si è mostrato gentile nei confronti del bimbo, senza evidenziare segnali di aggressività. Nonostante questo le autorità hanno deciso di sopprimerlo per salvare la vita del bambino. Una decisione che che scatena polemiche, e che probabilmente è stata dettata dalla tensione e da minuti di panico.

"È stata valutata come una situazione pericolosa, con il bambino in pericolo di vita", ha detto Thane Maynard, direttore delle zoo. "Da qui la decisione di abbattere Harambe". Un video dell'incidente mostra attimi di panico, fra urla e tentativi di evitare lo scivolone del bambino nel recinto. Un volo, quello del bimbo, di quasi tre metri, che ha destato l'attenzione del gorilla giunto poco dopo sul posto.

"È un giorno triste. La decisione giusta è stata presa, è stata una decisione difficile. Abbiamo protocolli e procedure da seguire in situazioni di emergenza, ma non abbiamo mai avuto un caso come questo nel nostro zoo, con un animale pericoloso che deve essere ucciso per emergenza", ha ammesso Maynard, spiegando che è stato deciso di sparare invece che di usare tranquillanti perché in una situazione di tensione ci sarebbe voluto troppo tempo prima che i farmaci avessero avuto effetto. Il bambino, di cui non è stato diffuso il nome, è stato trasportato in ospedale con ferite lievi.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve