Tutte le notizie in breve

Ha marciato a Selma con Martin Luther King, con J.F. Kennedy è stato il deus ex machina per la creazione dei Peace Corps. Ma adesso, dopo una illustre carriera in Congresso, all'età di 90 anni, l'ex senatore della Pennsylvania Harris Wofford è tornato a fare notizia.

"Ho perso mia moglie quando avevo 70 anni, non avrei mai pensato che mi sarei risposato a 90", ha annunciato Wofford, che Bill Clinton considerò come "numero due" prima di scegliere Al Gore, in un articolo sul New York Times intitolato: "Innamorarsi di nuovo, stavolta con un uomo".

L'op-ed di Wofford è il racconto di una doppia storia d'amore: prima per la moglie Clare, compagna di battaglie politiche in 48 anni di matrimonio prima che la leucemia fulminante la portasse alla tomba il 3 gennaio 1996, poi con il fidanzato Matthew. "Io e Clare tutti e due 70 anni quando è morta. Ero convinto di essere troppo vecchio per innamorarmi di nuovo. Ma cinque anni dopo, su una spiaggia di Fort Lauderdale, ho provato di nuovo quel fremito creativo e decisi che non l'avrei lasciato scappare".

Su quella spiaggia della Florida, il 75enne Wofford si è innamorato di un ragazzo di 25, Matthew Charlton: "Troppo spesso la nostra società cerca di etichettare le persone come eterosessuale, gay, bisessuale", ha scritto l'ex senatore annunciando la data del matrimonio il 30 aprile: "Io non mi identifico sulla base del sesso delle persone che amo. Ho avuto un lungo matrimonio con una donna meravigliosa e oggi sono fortunato per avere trovato la felicità per la seconda volta".

Con il fidanzato, oltre ai cinque decenni di età, lo dividono i diversi interessi - lui ama ancora la politica, Matthew lo sport e il design. Pur venendo da una ricca e illustre famiglia del Sud, l'ex senatore e il nuovo marito non andranno in luna di miele in Mississippi o North Carolina, gli stati al centro di una recente polemica per aver adottato leggi anti-gay in nome della libertà religiosa.

Episcopale convertito al cattolicesimo, Wofford si reputa invece "fortunato" per essere arrivato a vivere in un'epoca in cui la Corte Suprema "ha rafforzato quello che il presidente Barack Obama ha definito 'la dignità del matrimonio', riconoscendo che il matrimonio non è basato sulla natura sessuale, le scelte o i sogni di un individuo. È basato sull'amore".

sda-ats

 Tutte le notizie in breve