Tutte le notizie in breve

Barack Obama

KEYSTONE/AP/CAROLYN KASTER

(sda-ats)

La base-prigione americana di Guantanamo per sospetti terroristi, a Cuba, riduce spazi e personale. Lo ha annunciato un portavoce militare citato dal Miami Herald.

I comandi di Guantanamo, dove si trovano a oggi una sessantina di detenuti, hanno chiuso le operazione del famigerato Camp 5, in un progetto che ipotizza di ridurre il personale del carcere di 1950 militari e 400 civili entro la fine dell'anno.

"Siamo scesi a 61 detenuti e abbiamo consolidato la popolazione carceraria dal Campo 5 al Campo 6", ha detto il portavoce della base, John Filostrat, durante una pausa delle udienze preliminari del processo per l'attentato di un gruppo terroristico legato ad al Qaida al cacciatorpediniere USS Cole, avvenuto 12 ottobre del 2000 mentre era nel porto di Aden (Yemen).

Camp 5 è un'ala di massima sicurezza, dove per anni sono stati chiusi detenuti in sciopero della fame e sospetti criminali di guerra in isolamento. È stato costruito nel 2003 da una sussidiaria di Halliburton, il colosso delle infrastrutture di cui era stato CEO l'allora vice-presidente Dick Cheney. Due detenuti della "guerra al terrorismo" ci hanno commesso suicidio. L'ala è stata svuotata il 19 agosto, una settimana dopo che il Pentagono ha spedito 15 prigionieri negli Emirati Arabi Uniti. Restano segregati in un settore top secret del Campo 7 almeno 15 ex detenuti della CIA tra cui il presunto "cervello" delle stragi dell'11 settembre Khalid Sheikh Mohammend.

Il resto - 46 prigionieri - si trovano adesso nell'ala di media sicurezza di Camp 6: un complesso si può mangiare e pregare assieme e entrare e uscire dall'area di ricreazione guardati a vista da fuori da personale militare. "Almeno una ventina" saranno trasferiti nei prossimi mesi, essendo stati "sdoganati" per la liberazione dalle commissioni federali, ha reso noto Filostrat.

Potrebbe bastare, come ritiene il presidente Barack Obama, a convincere il pubblico della follia di tenere aperto il carcere? "Continuo a credere che sia uno strumento di reclutamento per organizzazioni terroristiche che offusca e avvelena le collaborazioni contro il terrorismo nelle quali ci dobbiamo impegnare", ha detto il presidente Usa in una conferenza stampa in Laos.

Il conto alla rovescia stringe: mancano meno di cinque mesi all'addio all'Ufficio Ovale e il Pentagono ha pronto un "piano B" nel caso in cui il suo successore dovesse ordinare l'invio di altri prigionieri. Donald Trump per esempio: ha promesso che, se vincesse, ci manderà "un carico di cattivi".

sda-ats

 Tutte le notizie in breve