Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dal Vaticano un chiaro no alle droghe leggere, tra cui comunemente si fa rientrare la cannabis.

KEYSTONE/AP/BRENNAN LINSLEY

(sda-ats)

No alla legalizzazione delle cosiddette droghe leggere. Lo ha detto monsignor Marcelo Sànchez Sorondo, cancelliere della Pontificia accademia delle scienze, a conclusione del convegno in Vaticano sulle sostanze stupefacenti.

"La droga cosiddetta leggera non è leggera, perché danneggia il cervello! Vuole essere - ha detto monsignor Sorondo a Radio Vaticana -, come è stato detto, il cavallo di Troia per le droghe più pesanti. Quindi: no alla droga leggera! E poi educazione e prevenzione contro l'alcool, contro il tabacco e contro il peggio, che è la droga".

"Il Papa ha parlato di questa ferita, di questa piaga che è presente in tutto il mondo e che tocca non solo i poveri, ma tocca tutti. È una nuova forma di schiavitù che ha chiamato 'chimica' e che dobbiamo risolvere", ha ricordato Sorondo.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS