Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'immagine mostra degli operai polacchi durante una dimostrazione per protestare contro le condizioni di lavoro (foto d'archivio).

Keystone/JEAN-CHRISTOPHE BOTT

(sda-ats)

È terminata la vertenza sorta il 30 agosto in un cantiere di Sainte-Croix (VD), dove un gruppo di sei operai polacchi aveva incrociato le braccia per protestare contro le condizioni di lavoro.

Un accordo è stato raggiunto in seguito all'intervento del consigliere di Stato vodese Philippe Leuba.

I lavoratori accusavano l'impresa edile Alpen Park di retribuirli da mesi con un salario oscillante da otto a nove euro l'ora per una cinquantina di ore di lavoro alla settimana. Il sindacato Unia, dal canto suo, sospettava anche irregolarità di pagamento delle quote sociali. La vertenza aveva indotto i cantoni di Vaud e Neuchâtel ad avviare un'inchiesta congiunta.

Dopo diversi incontri presenziati da Leuba è stato raggiunto un accordo, annuncia oggi il Canton Vaud. Le esigenze del CCL saranno ormai rispettate e gli operai riceveranno arretrati di stipendio e un risarcimento per torto morale di complessivi 62'000 franchi, precisa il sindacalista di Unia Laurent Tettamanti. L'impresa dovrà inoltre versare le quote sociali e le imposte.

Rallegrandosi per l'esito delle trattative, il sindacato chiede il rafforzamento dei controlli e delle sanzioni, nonché una base legale che consenta di sospendere le attività delle aziende in situazione irregolare.

I consiglieri di Stato Philippe Leuba e neocastellano Jean-Nat Karakash si rammaricano dal canto loro per l'esistenza di simili situazioni: il mancato rispetto delle regole del mercato del lavoro - dichiarano - è "inaccettabile e sarà sempre denunciato e sanzionato".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS