Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È atterrato regolarmente all'aeroporto a Tel Aviv, il velivolo della El Al proveniente da New York che stamane è stato scortato nella zona di Sciaffusa da due F/A-18 dell'esercito.

Questi hanno provocato due boati supersonici uditi in varie regioni della Svizzera tedesca.

Sul volo LY002 era scattato un allarme-bomba, poi rientrato, ha reso noto la compagnia israeliana. Le forze aeree svizzere sono state allertate dai colleghi francesi e due F/A-18 sono decollati da Payerne (VD) per intercettare il velivolo israeliano.

Durante l'avvicinamento, i caccia elvetici hanno superato il muro del suono e verso le 8.30 due forti boati sono stati avvertiti in gran parte della Svizzera tedesca.

Si è trattato di una cosiddetta "hot mission", ha detto all'ats il portavoce delle Forze aeree svizzere Jürg Nussbaum. L'aereo della El Al è stato accompagnato fino al confine con l'Austria, senza alcuna conseguenza per i velivoli coinvolti.

Successivamente, l'aereo è stato intercettato e scortato anche da Mig dell'aviazione militare di Croazia e Serbia, durante il sorvolo dei due Paesi balcanici. Lo hanno riferito i media a Zagabria e Belgrado.

Verso mezzogiorno la compagnia El Al ha fatto sapere che il velivolo era atterrato all'aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS