Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera, con un'accelerazione sul finale, ha chiuso la prima seduta dell'anno in territorio positivo: l'indice SMI dei principali titoli è salito dell'1,03% a 9'478,92 punti e l'indice complessivo SPI dello 0,99% a quota 10'857,70.

In generale i commenti degli analisti in questo primo scorcio del 2018 sono stati prudentemente ottimistici: "i tassi di interesse rimangono bassi e alternative agli investimenti in azioni non esistono", ha dichiarato un operatore di borsa. Sul piano europeo è stato diffuso il dato sulla disoccupazione in Germania, scesa ai minimi storici, mentre dagli Stati Uniti è giunta notizia dell'aumento, inaspettato, dell'indice Ism che monitora l'andamento del settore manifatturiero.

Sul fronte interno la prima seduta dell'anno è apparsa apriva di stimoli. Stamane è stato pubblicato l'indice PMI dell'industria svizzera, salito a 65,2 punti, il valore più alto da luglio del 2010. Il franco si è intanto indebolito rispetto all'euro e anche rispetto al dollaro.

L'andamento della borsa di Zurigo è stato frenato dal colosso dell'alimentare Nestlé (-0,50% a 83.38 franchi). Il gigante della farmaceutica Novartis, che ha ottenuto una certificazione negli USA per un suo medicinale per il trattamento del cancro al seno, ha invece allungato dell'1,33% (a 83.50 franchi) e ancora meglio ha fatto la concorrente Roche (+1,87% a 251.10 franchi), sostenuta da una raccomandazione di JPMorgan.

Il segmento del lusso, partito titubante, si è ripreso con il passare delle ore (Swatch +1,36% a 402.80 franchi; Richemont +1,13% a 89.30 franchi), mentre gli assicurativi si sono dimostrati fiacchi: Zurich Insurance è scivolata leggermente dello 0,03% (a 296.50 franchi) e Swiss Life dello 0,09% (a 344.70 franchi). Solo Swiss Re (+0,10% a 91.34 franchi) è riuscita a rimanere a galla.

Molto più dinamici, nello stesso comparto finanziario, i bancari: UBS è avanzata del 2,17% (a 18.33 franchi), Credit Suisse dello 0,98% (a 17.57 franchi) e Julius Bär dell'1,07% (a 60.24 franchi).

Tonici anche i titoli ciclici, più sensibili alle variazioni congiunturali. Adecco, approfittando di una raccomandazione di Credit Suisse, è salita del 2,11% (a 76.12 franchi), ma si sono comportate bene anche ABB (+1,19% a 26.43 franchi), LafargeHolcim (+1,98% 56.04 franchi), Lonza (+2,47% a 269.80 franchi), Sika (+2,00% a 7'895.00 franchi) e in misura minore Geberit (+0,23% a 430.10 franchi).

Completano il quadro dei 20 principali titoli Givaudan (+1,73% a 2'291.00 franchi), SGS (+0,71% a 2'559.00 franchi) e Swisscom (+0,37% a 520.40 franchi).

Sul mercato allargato ha richiamato l'attenzione degli investitori il gruppo biofarmaceutico ginevrino Addex Therapeutics, che stamane ha annunciato di aver avviato un partenariato strategico con la società americana Indivior Plc: il titolo in borsa è salito del 32,75% (a 3.04 franchi). In ascesa anche AMS (+6,59% a 94.28 franchi), che lo scorso anno è cresciuta del 208%, così come Idorsia (+4,05% a 26.48 franchi ) e Cicor (+13,39% a 68.60 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS