Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Odebrecht, il colosso brasiliano delle costruzioni coinvolto nell'inchiesta Lava Jato sui fondi neri Petrobras, ha elargito mazzette non solo a politici, ma anche a indios, sindacalisti e poliziotti.

Lo ha affermato ai magistrati Henrique Valadares, uno dei 78 ex dirigenti del gruppo edile, oggi collaboratori di giustizia, le cui confessioni, rese pubbliche in questi giorni, stanno scuotendo i palazzi del potere nel Paese sudamericano.

Secondo Valadares, i pagamenti sarebbero avvenuti in particolare nello Stato amazzonico di Rondonia (nordovest) per evitare "problemi" nei cantieri delle centrali idroelettriche di Santo Antonio e Jirau, costruite lungo il Rio Madeira.

In particolare, a rappresentanti del Cut (uno dei principali sindacati nazionali, storicamente legato al Partito dei lavoratori dell'ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva) venivano concessi "pedaggi mensili" per non appoggiare "scioperi e atti di violenza", mentre alle forze dell'ordine si distribuivano "mance" per "offrire protezione ai cantieri".

Anche i capi tribù delle popolazioni indigene locali avrebbero ricevuto denaro - ha spiegato l'ex manager - per non unirsi alle proteste delle associazioni ambientaliste.

SDA-ATS