Covid: Sion, situazione critica all'Hôpital du Valais

L'Hôpital du Valais a Sion. KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 ottobre 2020 - 13:42
(Keystone-ATS)

Il sensibile incremento di infezioni da coronavirus in Svizzera sta mettendo in difficoltà l'Hôpital du Valais di Sion.

Da diversi giorni la struttura è confrontata con un'ondata di ricoveri: sessanta persone sono state ospedalizzate a causa di complicazioni, di cui 4 in cure intensive.

Un focolaio con sette positivi è stato scoperto ieri alla clinica St-Amé di Saint-Maurice, si legge nel comunicato diffuso oggi dal nosocomio. La direzione ha imposto la quarantena e vietato le visite fino a nuovo avviso.

Sapendo che quasi il 25% delle persone ricoverate a causa di complicazioni legate al Covid-19 rischiano di aver bisogno di cure particolari, il reparto di cure intense rischia un sovraccarico drammatico, sottolinea la nota.

Il Centre Hospitalier du Valais Romand (CHVR) raggruppa i siti di Sion, Martigny, Sierre, St-Amé e Malévoz. L'allerta, che conta quattro tappe, è stata alzata. Conseguenza: il CHVR deve aumentare la capacità d'accoglienza dei casi Covid mettendo a disposizione venti letti supplementari in medicina e geriatrica e quattro letti nelle cure intense a Sion. Ciò obbliga il CHVR a chiudere quattro sale operatorie su 13. Alcuni interventi rischiano di venir spostati.

Nel comunicato, la direzione afferma di temere il ripetersi della situazione di marzo e invita quindi la popolazione alla prudenza.

Condividi questo articolo