Navigation

Skiplink navigation

DFAE-UNRWA: torna il dialogo e la fiducia

"È stato importante per me poter informare il consigliere federale sulle iniziative che abbiamo messo in atto per rafforzare la trasparenza e il controllo interno dell'organizzazione", ha dichiarato Philippe Lazzarini. KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 novembre 2020 - 13:47
(Keystone-ATS)

Tra il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) e l'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l'occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA) apparentemente torna il dialogo e la fiducia.

Giovedì il commissario generale dell'UNRWA, lo svizzero Philippe Lazzarini, ha incontrato per la prima volta a Berna il capo della diplomazia elvetica, Ignazio Cassis, che in passato aveva criticato l'Agenzia dell'Onu.

"È stato importante per me poter informare il consigliere federale sulle iniziative che abbiamo messo in atto per rafforzare la trasparenza e il controllo interno dell'organizzazione", ha dichiarato Philippe Lazzarini in un'intervista pubblicata oggi dal quotidiano romando Le Temps. Il commissario generale, in carica da questa primavera, ritiene che le riforme in corso contribuiranno a ripristinare la fiducia.

L'anno scorso l'UNRWA è stata teatro di una crisi, quando un'indagine interna ha rivelato cattiva gestione e abuso di potere da parte di un piccolo gruppo di alti funzionari. Ciò ha portato alle dimissioni del ginevrino Pierre Krähenbühl, il predecessore di Lazzarini. "Ritengo che questa pagina sia stata voltata", ha detto l'attuale commissario generale a Le Temps.

Già nel 2018, Cassis aveva detto che l'Agenzia era diventata parte del problema e che, sostenendola, si manteneva in vita il conflitto in Medio Oriente.

Più recentemente, interrogato sul tema, il consigliere federale ha affermato che la situazione sul terreno sta cambiando e quindi è normale che servano riforme. All'epoca c'era un problema di gestione, che ha condotto a cambiamenti ai vertici dell'istituzione, ha sottolineato il "ministro" degli esteri.

A causa degli esiti dell'indagine interna all'Agenzia, la Svizzera ha sospeso temporaneamente i versamenti all'UNRWA nel luglio dello scorso anno. I pagamenti erano ripresi in dicembre.

Mercoledì scorso il Consiglio federale ha deciso di mantenere invariato anche nel prossimo biennio il proprio contributo - 20 milioni di franchi all'anno - all'Agenzia.

In una nota, il governo ha precisato che intende così contribuire a migliorare la precaria situazione umanitaria, a creare prospettive, a ridurre il rischio di radicalizzazione dei giovani migliorando così la stabilità nella regione. Il Consiglio federale ha anche indicato che per il momento, tuttavia, viene coperto soltanto il prossimo biennio e non, come di consueto, un periodo di quattro anni (ossia fino alla fine del 2024). Nel comunicato non ne vengono spiegate le ragioni.

L'incontro tra Lazzarini e Cassis è avvenuto proprio all'indomani della decisione governativa.

Condividi questo articolo