Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Lavoro flessibile sempre più diffuso

La difficile ricerca dell'equilibrio fra flessibilità e sicurezza economica.

(Keystone)

Strategia organizzativa dell'azienda o scelta dei dipendenti: nel mondo del lavoro la flessibilità è diventata una realtà, che presenta tuttavia anche lati controversi. Pubblicato in Ticino un vademecum.

Sulla spinta travolgente della globalizzazione - che ha inciso fortemente sulla produzione, sull' organizzazione del lavoro e sulla vita delle persone - le forme di lavoro atipiche sono ormai una realtà assodata. Queste forme, che offrono maggiore libertà all'azienda e al lavoratore, possono però risultare problematiche e insicure.

L'editore Robert Boss, che dal 2004 pubblica una collana dedicata al diritto del lavoro applicato, ha appena pubblicato il libro "Lavoro flessibile – Vademecum per una gestione sicura dei rapporti di lavoro flessibili", affidando alla giornalista Lorenza Hofmann la cura del volume. swissinfo ha intervistato editore e curatrice.

swissinfo: Il tema del lavoro flessibile è effettivamente di attualità. Quali obiettivi si è prefissato al momento dell'ideazione della pubblicazione?

Robert Boss: La flessibilità nel mondo del lavoro è un fenomeno che si è accentuato con gli importanti mutamenti socio-economici della nostra epoca ed è portatrice di ulteriori cambiamenti.

La casa editrice ha individuato un bisogno di informazione da parte delle aziende – che sono i nostri clienti - per una gestione sicura dei rapporti di lavoro flessibili. Con il team di esperti – Domenico Basile, Costantino Delogu, Alessandra Prinz – abbiamo sviluppato un progetto editoriale integrato.

Il Vademecum è uno dei prodotti di questo progetto: presenta gli aspetti teorici della flessibilità - in ottica macroeconomica, di gestione delle risorse umane, del diritto del lavoro e delle assicurazioni sociali – e modelli di contratti, di gestione e di regolamentazione del lavoro flessibile, come pure tabelle sinottiche di immediata consultazione sulle più diffuse forme di occupazione flessibile.

swissinfo: Quanto è difficile conciliare gli interessi dei lavoratori e dei datori di lavoro in una guida rivolta principalmente alle aziende?

R.B.: La filosofia della casa editrice è molto semplice. La legge dice che cosa un datore di lavoro deve fare e anche quali sono doveri e diritti di un lavoratore. La nostra ambizione è di dire che cosa un datore di lavoro può fare basato su quello che deve fare.

Non diremmo mai ai nostri clienti cosa dovrebbero fare, perché siamo convinti che lo sanno fare meglio di noi. Anche con il Vademecum presentiamo informazioni e aiuti concreti per risolvere le questioni legate alla flessibilità - che a volte danno filo da torcere - e per evitare potenziali problemi futuri. Un lavoratore può trovare in questo Vademecum le informazioni per essere consapevole dei propri diritti in un rapporto di lavoro flessibile.

swissinfo: L'editore Boss come qualifica il proprio ruolo nel mondo del lavoro? Osservatore neutrale, costruttore di ponti, promotore di una nuova cultura aziendale?

R. B.: La casa editrice offre prodotti e servizi collegati fra loro, integrati fra loro: l'editoria tradizionale, legata all'opera cartacea, è coniugata con altri media basati sulle nuove tecnologie della comunicazione (web, cd-rom) a loro volta integrati con incontri formativi intensivi nella forma congressuale e seminariale.

Proponiamo informazioni specializzate sul diritto del lavoro e la gestione delle risorse umane e interazioni di competenze per un aggiornamento costante su un mondo del lavoro in rapida evoluzione. Lasciamo giudicare ai fruitori dei nostri prodotti e servizi se questa nostra offerta di "conoscenza applicata" concorre a promuovere una nuova cultura aziendale.

swissinfo: Quali sono gli elementi più importanti e i dati più interessanti emersi nella guida?

Lorenza Hofmann: Il Vademecum ha una sua utilità immediata: fa chiarezza su obblighi e diritti in un rapporto di lavoro flessibile, spesso caratterizzato da più elementi di flessibilità (il tempo di lavoro, la durata del contratto, il luogo di lavoro, ecc.) e dà informazioni teoriche e pratiche per gestire i modelli flessibili di lavoro (per esempio il tempo parziale, il job sharing, il telelavoro, ecc).

In altre parole fa da guida per una gestione efficace della flessibilità in azienda e per una gestione sicura del personale. In più, presenta un'analisi macroeconomica del prof. Giuliano Bonoli che tratta della flexicurity (flessicurezza), modello di politica del lavoro che coniuga flessibilità del mercato del lavoro e sicurezza economica e sociale per le persone attive.

swissinfo: Quanto è sottile il discrimine tra flessibilità e precariato?

L.H.: Nella realtà del lavoro la flessibilità può aprire opportunità per l'azienda quanto per i salariati ma anche incidere negativamente sull'attività aziendale, insinuare insicurezza e precarizzazione nelle condizioni di lavoro dei dipendenti e produrre costi sociali per la collettività.

Il discrimine, dove collocarlo? Ogni situazione è diversa e il grado di sicurezza o di precarietà dipende da molti fattori. Per la persona, il discrimine si gioca molto concretamente sul livello salariale, dal quale derivano il reddito da lavoro ma anche l'assoggettamento alle assicurazioni sociali e quindi gli airbag della protezione sociale.

Gli esperti dicono che nel contesto svizzero – esempio di flexicurity - vi sono le basi per lavorare in modo flessibile valorizzando le opportunità e contenendo i rischi. Come? Sviluppando la flessibilità in azienda - con un progetto, un modello adeguato - attuando una gestione sicura dell'occupazione flessibile - ossia rispettando obblighi e diritti nel rapporto di lavoro, mantenendo ed eventualmente adattando l'attuale sistema di garanzie sociali.

swissinfo, Françoise Gehring, Bellinzona

Il libro

"Lavoro flessibile -Vademecum per una gestione sicura dei rapporti di lavoro flessibili", curato da Lorenza Hofmann, accende i riflettori sulla flessibilità, sui rapporti contrattuali e sui modi di lavorare.

Per gestire la flessibilità in modo sicuro, come strategia organizzativa dell'azienda o come scelta del collaboratore, sono necessarie informazioni chiare, teoriche e pratiche.

La flessibilità nei suoi aspetti organizzativi, contrattuali e assicurativi viene presentata attraverso i contributi teorici e pratici degli esperti Domenico Basile (specialista in risorse umane, formatore professionale e aziendale), Costantino Delogu (avvocato) e Alessandra Prinz (laureata in giurisprudenza, dal 1992 lavora all'Ufficio federale delle assicurazioni sociali); L'analisi in ottica macroeconomica è affidata al professore Giuliano Bonoli (professore di politica sociale all'Institut de hautes études en administration publique /IDHEAP a Losanna).

Fine della finestrella

la casa editrice

Boss editore è una casa editrice con sede a Sessa, nel Canton Ticino, specializzata nella concezione e nella pubblicazione di sistemi di informazione.

Dal 2004 pubblica "Il diritto del lavoro applicato. Sistema d'informazione per una gestione sicura delle risorse umane", un sistema che ha riscontrato un notevole interesse fra le aziende operative nella Svizzera italiana.

A complemento, dal 2007 sviluppa "Seminari Lavoro", incontri di aggiornamento di breve durata, utili, concreti, opportunità di acquisizione di conoscenze e di scambio di esperienze, destinati a dirigenti d'azienda, responsabili di risorse umane e loro collaboratori.

Dal 2008, propone "Congresso Lavoro", un evento annuale di una giornata per informarsi sulle normative e le prassi di gestione delle risorse umane, sulle loro evoluzione e sulle sfide future, con esperti e rappresentanti del mondo imprenditoriale.

Fine della finestrella


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×