Julius Bär potrebbe pagare oltre 10 milioni per il caso FIFA

Julius Bär è vicina ad un accordo con il Dipartimento di giustizia americano. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 settembre 2020 - 09:49
(Keystone-ATS)

Julius Bär è a buon punto per risolvere il contenzioso legato allo scandalo FIFA.

Il gestore patrimoniale zurighese sta negoziando con il Dipartimento di giustizia americano per un versamento che potrebbe superare i 10 milioni di dollari (9,1 milioni di franchi), si legge in un comunicato odierno della stessa banca.

In febbraio, al termine di un'inchiesta approfondita, l'autorità di vigilanza sui mercati Finma aveva riscontrato gravi mancanze nel quadro del caso che aveva portato nel 2015 all'arresto a Zurigo di diversi dirigenti FIFA.

Julius Bär ha sottolineato che non farà alcun ulteriore commento finché un accordo sarà trovato. Il 2 novembre si terrà un'assemblea straordinaria durante la quale il versamento della seconda parte dei dividendi 2019 sarà sottoposta a voto. La remunerazione degli azionisti è infatti stata divisa nell'incerto contesto dovuto al coronavirus, proprio come hanno fatto UBS e Credit Suisse.

Condividi questo articolo