Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dell'alleanza fanno parte Google, Ikea, Coop, Migros e UBS

Keystone/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Un'ampia alleanza di aziende e associazioni, tra le quali Google, Ikea, Coop, Migros e UBS, si è schierata a sostegno della strategia energetica 2050.

Oggi a Berna i suoi rappresentanti hanno presentato gli argomenti a favore dell'iniziativa in votazione il prossimo 21 maggio.

L'alleanza, battezzata "Economia svizzera per la Strategia energetica 2050", è formata da circa 130 aziende e associazioni economiche che controllano attorno al 70% del valore dell'economia svizzera, ha spiegato all'ats da Stefan Batzli, segretario dell'alleanza a margine della conferenza stampa. Il sostegno alla campagna è di mezzo milione di franchi.

L'unione svizzera dei contadini (USP) ha calcolato che il progetto è sostenibile: un'azienda agricola di media grandezza dovrebbe pagare 168 franchi in più all'anno, secondo il consigliere nazionale Markus Hausammann (UDC/TG). L'agricoltura nel suo insieme avrà 8,9 milioni di costi supplementari da sopportare. Tuttavia potrà ricavare 43 milioni di franchi grazie dalla produzione di elettricità e di calore.

"Perché spendere 11 miliardi all'anno per l'energia fossile all'estero, se il rinnovamento del parco immobiliare in Svizzera può creare un plusvalore per il paese?", si chiede Hans Rupli, membro del comitato di "Costruzionesvizzera". Con 600'000 impiegati, l'associazione contribuisce al 18% del prodotto interno lordo. Secondo Rupli, i costi generati dalla Strategia energetica 2050 saranno di 40 franchi all'anno per famiglia.

In un primo tempo, l'Associazione delle imprese elettriche svizzere (AES) era critica riguardo al progetto, ha spiegato il direttore Michael Frank. Ma nel frattempo, il pacchetto globale si è equilibrato poiché alcune richieste essenziali del settore sono state prese in conto, ad esempio un migliore adeguamento della retribuzione a copertura dei costi per l'immissione in rete di energia elettrica. Altro punto importante, la sicurezza d'investimento: "anche se gli avversari lo occultano volentieri, bisognerà investire nelle infrastrutture energetiche" ha aggiunto Frank.

Se l'Unione delle città svizzere e l'Unione dei contadini si siedono insieme allo stesso tavolo, c'è certamente una ragione, afferma il municipale bernese Reto Nause (PPD) per conto dell'associazione svizzera delle città. Le città sono già fortemente impegnate nella svolta energetica, ha ricordato. "Se la Strategia energetica dovesse essere respinta, non potremmo attuare numerosi progetti" avvisa Nause.

L'economia è divisa in termini di strategia energetica: il comitato di Economiesuisse non ha voluto prendere posizione, l'Unione svizzera delle arti e mesteri (USAM) raccomanda un sì mentre associazioni come Swissmem, Gastrosuisse, Swissoil e Scienceindustries invece sono contrarie all'iniziativa. Secondo l'alleanza economica sono ancora diverse le aziende molto scettiche a riguardo: ABB, Landis+Gyr, Stahl Gerlafingen e Axa Winterthur.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS