Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli Stati Uniti pagano il cambiamento delle politiche energetiche voluto dall'amministrazione di Donald Trump e vengono superati da Cina e India per capacità di attrarre investimenti in fonti rinnovabili.

Lo certifica l'ultimo "Indice sull'attrattività dei Paesi per le energie rinnovabili" pubblicato da EY.

Cina, India e Usa occupano i primi tre posti della classifica che valuta 40 nazioni. Seguono Germania, Australia, Cile, Giappone, Francia, Messico e Regno Unito.

Gli analisti evidenziano "l'influenza, sia produttiva sia dannosa, della politica negli investimenti e nello sviluppo delle energie rinnovabili. Una politica di sostegno e una visione a lungo termine sono fondamentali - osservano - per raggiungere un futuro di energia pulita".

Nel rapporto si sottolineano gli "ordini esecutivi del governo statunitense per ritirare molte delle politiche sul cambiamento climatico introdotte dalla precedente amministrazione, il rilancio del carbone e la revisione del Clean Power Plan", come elementi fondamentali che hanno fatto scendere l'attrattiva degli investimenti in rinnovabili.

SDA-ATS