Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Combattimenti a Raqqa.

KEYSTONE/EPA/YOUSSEF RABIE YOUSSEF

(sda-ats)

I raid effettuati dalla coalizione internazionale anti-Isis guidata dagli Stati Uniti sulla città di Raqqa, nel nord della Siria, hanno causato un numero "enorme" di vittime tra i civili.

È quanto ha denunciato oggi il presidente della Commissione d'inchiesta dell'Onu sulla Siria, il brasiliano Paulo Pinheiro.

Raqqa è attualmente la principale roccaforte dello Stato islamico in Siria. Da alcuni giorni le Forze democratiche della Siria (Fds), alleanza curdo-araba sostenuta dagli Usa in funzione anti-Isis, stanno avanzando verso il centro della città, trasformata nel 2014 dai jihadisti nella "capitale" dell'autoproclamato califfato. L'offensiva è sostenuta dai raid aerei della coalizione.

Riferendo alla commissione per i Diritti umani dell'Onu, Pinheiro ha anche sottolineato che i 10 accordi siglati in Siria tra il regime e i gruppi armati di opposizione per evacuare civili e combattenti dalle aree assediate, come avvenuto ad esempio ad Aleppo Est, "in alcuni casi equivalgono a crimini di guerra", in quanto i civili "non hanno avuto altra scelta" che lasciare la città.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS