Navigation

È ufficiale, Putin ha licenziato l'ideologo Surkov

Il presidente russo Vladimir Putin (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/Alexander Zemlianichenko sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 19 febbraio 2020 - 08:27
(Keystone-ATS)

Il presidente russo Vladimir Putin ha pubblicato, ieri in tarda serata, il decreto con il quale licenzia Vladislav Surkov, vero e proprio veterano del Cremlino e suo stretto consigliere, che fino a poco tempo fa gestiva le relazioni di Mosca con l'Ucraina.

Surkov era visto da molti a Kiev come un fautore della linea dura. Il suo licenziamento, che ha coinciso con una fiammata nei combattimenti nell'Ucraina orientale, era nell'aria da settimane, sin da quando era trapelato da fonti vicine allo stesso Surkov.

Al suo posto è stato nominato l'ucraino di nascita Dmitry Kozak. Surkov era noto per essere stato a lungo l'ideologo del Cremlino ed 'eminenza grigia' di Putin, con la delega alla gestione degli affari interni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.