Navigation

"Mister Prezzi": dopo Billag, SSR sotto la lente

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 febbraio 2010 - 12:06
(Keystone-ATS)

BERNA - Dopo Billag, la Società svizzera di radiotelevisione è quest'anno al centro dell'attenzione del rapporto annuale del Sorvegliante dei prezzi. Stefan Meierhans è preoccupato in particolare per le possibili ripercussioni dei problemi finanziari della SSR sul canone radio-tv. L'azienda radiotelevisiva ha infatti bisogno di 54 milioni supplementari l'anno per adempiere il proprio mandato.
Anche nel 2010, "Mister Prezzi" continuerà ad interessarsi alle aziende parastatali, indica una nota odierna. L'anno scorso, Meierhans aveva suscitato polemiche proponendo la soppressione di Billag, l'ufficio svizzero di riscossione dei canoni radiotelevisivi. Ora sta esaminando nel dettaglio il fabbisogno della SSR per gli anni 2011-2014. Sono inoltre in corso trattative con la Cablecom sui prezzi per la televisione via cavo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.