I carabinieri hanno individuato la "struttura segreta di vertice della 'ndrangheta in grado di dettare le linee strategiche" di tutta l'organizzazione e di "interagire sistematicamente e riservatamente con gli ambienti politici, istituzionali ed imprenditoriali".

Cinque gli arresti, eseguiti dai carabinieri. Tutti sono accusati di associazione mafiosa.

La struttura segreta avrebbe avuto un "ruolo determinante", dicono gli investigatori, nel condizionamento di alcuni "appuntamenti elettorali in ambito comunale, provinciale, regionale", nonché "nell'individuazione di propri affiliati da proiettare nel parlamento nazionale".

La "struttura segreta di vertice" dava le direttive a tutta l'organizzazione e teneva contatti di "alto livello", nei vari ambienti, "al fine di infiltrarli ed asservirli - affermano gli investigatori - ai propri interessi criminali".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.