Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli 800 milioni destinati all'acquisto, poi bocciato dal popolo, dei nuovi jet da combattimento Gripen dovrebbero rimanere all'interno del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS). È quanto pensa la commissione della politica di sicurezza del Nazionale (CPS-N) che presenterà nel plenum una mozione affinché quel denaro non venga ripartito tra altri dipartimenti come proposto dal Consiglio federale.

La CPS-N ha elaborato un progetto affinché il tetto massimo di spesa del DDPS rimanga a 5 miliardi di franchi l'anno.

In previsione dell'acquisto dei 22 caccia svedesi, circa 300 milioni destinati a un fondo speciale erano stati previsti per il periodo 2014-2016. Il Governo aveva proposto di suddividere il denaro non speso tra gli altri dipartimenti.

Il tetto massimo di spesa per il periodo 2016-2018 destinato al dipartimento diretto da Ueli Maurer dovrebbe essere stabilito solo in un secondo tempo. Nel frattempo, il consigliere federale UDC è stato incaricato di presentare in autunno un profilo dei bisogni dell'esercito, assieme a una riforma della truppa e altri progetti.

Ma la CPS-N non è d'accordo con questi obiettivi. Stando al presidente dalla CPS-N Thomas Hurter (UDC/SH), "anche se il popolo ha respinto i Gripen, le Camere federali hanno approvato un tetto di spesa per il DDPS di 5 miliardi".

La maggioranza di destra della CPS-N ha quindi chiesto al governo di presentare un programma di armamento "2015+" entro febbraio. "Si tratta di colmare le lacune a livello di equipaggiamento, ha precisato Hurter alla stampa.

PS, Verdi e Verdi liberali sono contrari alla mozione. Per loro è chiaro che un no ai Gripen impone una discussione per ridistribuire i mezzi che non verranno impiegati per tale scopo.

Intanto il destino dei vecchi aerei da combattimento Tiger, che Maurer voleva mandare in pensione dal 2016, è ancora aperto. Prima di decidere, il consigliere federale democentrista dovrà presentare il proprio progetto di riforma dell'esercito e studiare se non sia il caso di modernizzare i vecchi caccia americani come già fatto dal Brasile, ha spiegato Hurter.

La CPS-N vuole anche conoscere la strategia di Ueli Maurer in materia di aviazione militare. Nell'attesa propone al plenum per 20 voti a 3 di non approvare lo smantellamento dei 54 Tiger ancora in servizio e di altro materiale bellico. Tale decisione si basa su motivi formali. Come gli Stati, la CPS-N crede che un simile provvedimento spetti unicamente al DDPS.

SDA-ATS