Navigation

"Stairway to Heaven" dei Led Zeppelin non è plagio

Lunga battaglia legale vinta dai Led Zeppelin. KEYSTONE/AP/Dario Cantatore sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 marzo 2020 - 13:35
(Keystone-ATS)

"Stairway to Heaven" dei Led Zeppelin non è plagio. Lo ha stabilito la Corte d'appello di San Francisco, chiudendo una battaglia legale durata anni.

È stato dunque confermato che il leggendario gruppo rock britannico non ha "copiato" il brano Taurus degli Spirit, un gruppo californiano in attività negli anni '60, per comporre il suo successo planetario, pubblicato nel 1971.

La corte, composta da undici magistrati, ha confermato il giudizio reso in prima istanza a Los Angeles nel 2016. All'epoca, i giudici avevano ritenuto che il cantante dei Led Zeppelin Robert Plant e il chitarrista Jimmy Page avevano effettivamente avuto accesso alla canzone degli Spirit.

Ma i querelanti, che rivendicavano tra i 3 e i 13 milioni di dollari di diritti d'autore, non erano riusciti a dimostrare che elementi di "Taurus" erano "intrinsecamente simili" all'introduzione di "Stairway to Heaven", oltre i due minuti.

Nel 2018, tuttavia, la sentenza era stata annullata per motivi legali. I membri del Led Zeppelin avevano quindi richiesto e ottenuto un riesame alla Corte d'Appello di San Francisco. I magistrati hanno infine deciso lunedì di mantenere la sentenza adottata in primo grado, sulla base di una legge che disciplina il copyright risalente al 1909.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.