Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il processo di ravvicinamento tra Cina e Taiwan, in corso da otto anni nonostante i timori di molti abitanti dell'isola, compie questa settimana un passo storico: il presidente cinese Xi Jinping e il collega taiwanese Ma Ying-jeo, s'incontreranno sabato a Singapore.

Si tratterà del primo incontro tra i leader dei due Stati dopo la divisione avvenuta 66 anni fa in seguito a una guerra civile. L'annuncio è stato fatto nella notte tra martedì e mercoledì dall'agenzia ufficiale di Taiwan, isola che è di fatto indipendente dalla fine della seconda guerra mondiale anche se Pechino, che ha confermato il vertice, continua a ritenerla parte integrante del proprio territorio e in passato ha più volte minacciato di ottenere la riunificazione con la forza.

Il portavoce presidenziale di Taipei, Charles Chen, ha fatto sapere in un comunicato che i due presidenti sabato si incontreranno per uno scambio di idee sulle relazioni tra i due Paesi. Stemperando parte degli entusiasmi, Chen ha avvertito che non è in programma la firma di alcun accordo. Taiwan ha comunque annunciato una conferenza stampa sullo storico evento di Singapore per le prossime ore e il presidente Ma ne farà una giovedì.

Nel 1949 i nazionalisti del Guomindang capeggiati da Chiang Kai-shek, sconfitti nella guerra civile dai comunisti guidati da Mao, si rifugiarono sull'isola che dal 1996 ha un sistema politico democratico. Dal 2008 è presidente di Taiwan il leader del Guomindang, Ma Ying-jeou, che ha promosso un miglioramento delle relazioni con Pechino, in particolare con la firma di 23 accordi commerciali, economici e finanziari.

Formalmente le due parti non si erano mai parlate fino a quando Ma, un nazionalista, avviò incontri ufficiali a basso livello tra Cina e l'isola di "Formosa" (altro nome con cui è nota Taiwan). L'annuncio è stato fatto nella notte e sulle prime non vi è stata una reazione di Pechino.

Il presidente Ma, che lascerà l'incarico l'anno prossimo, al termine del suo secondo e non rinnovabile mandato, è stato criticato per un eccessivo avvicinamento alla Cina, colosso peraltro in grado di aumentare l'influsso sull'isola facendo leva sul proprio potere economico.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS