Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La candidata alle presidenziali Marine Le Pen

KEYSTONE/AP/CLAUDE PARIS

(sda-ats)

Il duello per l'Eliseo è una battaglia a colpi di immagine. L'ha lanciata ieri Marine Le Pen, andando a sfidare Emmanuel Macron durante una visita nella fabbrica in disarmo Whirlpool, davanti agli operai furiosi.

Oggi la Le Pen in barca con i pescatori, Macron a discutere e poi a giocare a calcetto con i ragazzi di banlieue. Sui sondaggi, tutto questo agitarsi non incide: la quotidiana indagine Ifop - partita lunedì con 60% Macron e 40% Le Pen - non si sposta: 60,5 a 39,5%.

Non incide neppure la stima a 5 milioni di euro della cifra che l'Unione europea reclama a Marine Le Pen per gli stipendi da assistenti di Strasburgo a persone che lavoravano in realtà per il partito. Più difficili da gestire in queste ore le polemiche sul nuovo presidente del Front National dopo la sua autosospensione, il "negazionista" Jean-Francois Jalkh.

Alba in mare aperto, questa la scelta di Marine Le Pen per cominciare un'altra giornata campale, che si conclude a Nizza con un comizio serale: la candidata è salpata su un peschereccio a Grau-du-Roy, nel sud, una delle terre in cui la Le Pen ha fatto il pieno di voti al primo turno.

"Non consegniamo il paese a un giovane trader", ha detto attorniata dai pescatori, "lui ha la freddezza delle grandi aziende che licenziano senza scrupoli". La nuova strategia di 'En Marche!' però è di non lasciar passare più nulla: "Uscire dall'Europa segnerebbe la fine della pesca francese", ha twittato Macron.

Pomeriggio a Sarcelles, banlieue di Parigi, per l'ex ministro, in visita ad un centro di sport e inserimento per ragazzi. Un ambiente non facile, una zona dove Macron ha preso meno voti di Melenchon e Fillon. Ma un terreno dove Marine Le Pen è invisa e dove lui ha potuto ricordare le proposte di 'En Marche!' per i quartieri difficili: 15.000 euro di premio per 3 anni a chi assume a tempo indeterminato giovani di banlieue, dimezzamento del numero di studenti nelle classi delle elementari, assunzione di 10.000 poliziotti e gendarmi.

Come ha fatto ieri con successo alla Whirlpool, Macron è tornato al bagno di folla, stavolta con adolescenti che gli ponevano domande difficili, poche sillabe ma lo sguardo deciso. Lui ha avuto risposte per tutti, spiegando che se è "insopportabile" la discriminazione per chi viene dai quartieri duri, loro - i ragazzi - devono pensare a studiare e ad avere una formazione seria".

"Lei qui non ci viene - ha detto poi attaccando l'avversaria - lei vuole solo che restiate qui così o che ve ne andiate". Poi la stoccata sul nuovo presidente del Front e sui dubbi che nutriva in una vecchia intervista sullo sterminio di massa nazista: "Non le consentirò di minimizzare la realtà del Fn, un partito xenofobo. Ha messo alla testa del partito qualcuno che ha espresso posizioni estremamente gravi".

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS