Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ci sono anche l'Italia e il Vaticano fra gli Stati amici della Germania che sono stati spiati dal Bnd, i servizi segreti tedeschi.

L'informazione, che aggiunge dettagli rilevanti a quanto emerso il mese scorso, è stata rilanciata dal sito del settimanale tedesco Der Spiegel.

Citando proprie fonti, l'autorevole rivista scrive che quelle di Italia e Vaticano sono fra le "rappresentanze diplomatiche" di cui sono stati monitorati "indirizzi e-mail, numeri di telefono e fax" in Germania.

Gli altri paesi nella lista su questo fronte del "Bundesnachrichtendienst" (Bnd), l'agenzia di intelligence tedesca, sono Usa, Francia, Gran Bretagna, Svezia, Portogallo, Grecia, Spagna, Austria e Svizzera.

Già a metà ottobre, nell'ambito del "datagate" innescato dalle dichiarazioni della talpa della "Nsa" americana Edward Snowden, era emerso da fonte ufficiale tedesca che i servizi segreti di Berlino hanno spiato per molti anni fino al 2013 numerosi paesi amici e partner europei ma - almeno nei principali resoconti - non era stato precisato che nella lista ci fosse anche l'Italia o il Vaticano.

A rivelare l'attività ad una commissione del parlamento tedesco era stata la stessa cancelliera Angela Merkel, che sovrintende al Bnd. Ora il sito in inglese dello Spiegel fa il nome di diversi paesi e ricorda che gli edifici diplomatici non sono protetti dall'articolo 10 della Costituzione tedesca che vieta di intercettare le telecomunicazioni.

Lo spionaggio ai danni dell'Italia e della Santa Sede può essere considerato meno grave di quello che, sempre secondo lo Spiegel, è stato condotto all'estero dal Bnd, che è appunto l'agenzia di intelligence "esterna" della Repubblica federale tedesca.

Integrando le rivelazioni di metà ottobre, il settimanale precisa innanzitutto che gli 007 tedeschi "hanno spiato il dipartimento dell'Interno degli Stati Uniti e i ministeri dell'Interno di paesi membri dell'Ue tra cui Polonia, Austria, Danimarca e Croazia". Lo spionaggio ha incluso "linee di comunicazione" appartenenti a rappresentanze diplomatiche "a Bruxelles e alle Nazioni Unite a New York". La lista includeva "il numero verde del Dipartimento di Stato Usa per gli avvisi ai viaggiatori".

Ma l'attività spionistica non si limitava alle istituzioni statali: secondo le fonti dello Spiegel nel mirino c'erano organizzazioni non-governative come "Care International", Oxfam e la Croce Rossa internazionale a Ginevra.

Già nella primavera scorsa peraltro era emerso che il Bnd, attraverso la propria stazione di Bad Aibling (il paesino bavarese dove fino al 2004 c'era stato il centro statunitense raccolta di "signal intelligence" detto "Echelon") aveva favorito lo spionaggio americano ai danni di interessi europei e tedeschi. Il datagate peraltro ha provocato un attrito con gli Stati Uniti: una delle scoperte più eclatanti fu la circostanza che addirittura il cellulare di Merkel era intercettato dagli americani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS