Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I ministri dei 18 Paesi donatori - tra cui la Svizzera - riuniti a Parigi ieri e oggi, sono decisi a rispettare il proprio impegno a mobilitare annualmente 100 miliardi di dollari per finanziare la politica climatica dei Paesi in via di sviluppo.

L'incontro è stato copresieduto dalla consigliera federale Doris Leuthard e da Caroline Atkinson, collaboratrice diretta del presidente degli Stati Uniti Barack Obama per le questioni climatiche.

In una dichiarazione comune, i ministri hanno riaffermato la propria determinazione a investire annualmente, a partire dal 2020, 100 miliardi di dollari di fondi pubblici e privati per sostenere la riduzione delle emissioni e l'adeguamento delle misure nei Paesi in via di sviluppo.

I ministri hanno annunciato di voler proseguire i lavori volti a migliorare la disponibilità di dati e la metodologia per misurare i fondi mobilitati a favore del clima. I dati attualmente disponibili non forniscono un quadro completo dei contributi.

Nell'ambito della riunione parigina Doris Leuthard ha sottolineato il ruolo fondamentale degli investimenti privati per ridurre le emissioni di gas a effetto serra. È necessario - ha detto - mettere in campo strumenti che consentano di rendere conto dei finanziamenti reali provenienti dagli Stati e dal settore privato, di disporre di un quadro generale dei progressi realizzati e di comparare i diversi contributi.

I Paesi donatori riuniti a Parigi sono: Germania, Australia, Belgio, Canada, Danimarca, Stati Uniti, Francia, Italia, Giappone, Lussemburgo, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Polonia, Regno Unito, Svezia, Svizzera nonché l'Unione europea.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS