Navigation

103enne guarita, da bimba era cagionevole di salute

Una vita lunghissima. Foto Ansa sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 aprile 2020 - 17:15
(Keystone-ATS)

È guarita dal coronavirus a 103 anni e dire che i suoi parenti, da piccola, la consideravano "cagionevole di salute". Lei è Romana Gastaldelli, 104 anni a giugno.

Classe 1916, ha vissuto a Bolzano due guerre mondiali. Contagiata dal Coronavirus, nonostante la sua età avanzata è riuscita a resistere e adesso è ufficialmente guarita dopo il terzo tampone negativo.

Dopo l'uscita dall'isolamento, la videochiamata col nipote: Romana l'ha riconosciuto e si è commossa. Arrivata a Bolzano da Verona, Romana Gastaldelli, è nata a Montagnana, in provincia di Padova. Suo padre, Enrico era un casellante. La madre, Ernesta Mazzini faceva la casalinga. Hanno avuto dei figli, tra cui Romana, unica sopravvissuta. Trasferitasi a Bolzano per lavoro, si è sposata con Bruno Aschieri che lavorava ai Telefoni di Stato. Hanno avuto un figlio, Ernesto purtroppo deceduto quando aveva solo 6 mesi. Dopo questo triste episodio, la coppia non ha avuto altri figli. Il marito è deceduto nel 1994. Nella sua vita, Romana si è sempre dedicata alla famiglia e con la morte della cognata Regina, si è presa cura dei nipoti, Stefano e Marco, diventando una seconda madre per loro. Con il nipote Stefano in particolare ha sempre avuto, anche tutt'ora, un legame strettissimo.

Oggi le persone a lei più vicine sono appunto Stefano con la moglie e la cognata. Fino ai 99 anni ha vissuto da sola con l'aiuto di una badante. Nell'agosto del 2015 è entrata a Villa Armonia. La sua passione? Il cucito. Ha sempre avuto anche un debole per il gioco delle carte; ramino e briscola in particolare. Il nipote riferisce di non averla mai vista arrabbiata; una donna diplomatica, ma attenta agli altri e a sé stessa, a cui piaceva e piace tuttora, avere cura del proprio aspetto. Il nipote Stefano è sempre stato presente a Villa Armonia per visitarla, farle compagnia e giocare a carte con lei.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.