Navigation

11/9: falsi allarmi scandiscono la giornata

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 settembre 2011 - 17:07
(Keystone-ATS)

Caccia F16, polizia e artificieri sono stati allertati più volte a New York e non solo, per degli "allarmi" che poi si sono fortunatamente dimostrati infondati, ma che, sollevati nel decimo anniversario dell'attacco all'America dell'11 settembre 2001, hanno mostrato un paese con i nervi a fior di pelle ma di certo anche in grande allerta.

Da giorni le autorità avevano affermato di avere avuto informazioni su una "credibile" minaccia di un nuovo complotto di al-Qaida contro l'America e avevano quindi esortato i cittadini a tenere alta la guardia. Solo a New York, la polizia è stata quindi chiamata nell' arco della giornata di ieri 342 volte per "pacchi sospetti" da verificare: oltre il triplo delle chiamate ricevuto l'11 settembre dell'anno scorso.

Gli episodi più significativi si sono però svolti a bordo di due aerei, dove passeggeri indisciplinati hanno indotto i rispettivi comandanti a comunicare la situazione di "attenzione" alle loro torri di controllo. In poco tempo, sono stati entrambi intercettati e scortati da due caccia F16 fino a quando l'allarme non è cessato.

Poi si è appreso che sul primo dei due voli, diretto da Los Angeles a New York, tre passeggeri avevano suscitato sospetti perché si erano recati ripetutamente alla toilette. All'aeroporto Jfk sono stati poi interrogati e rilasciati. Situazione simile sull'altro volo, diretto da Denver a Detroit, in cui, secondo una tv locale, i passeggeri "sospetti", anche in questo caso tre, stavano facendo sesso nel bagno dell'aereo e si rifiutavano di uscire. All'arrivo a Detroit loro sono stati però presi in consegna dalla polizia.

Allarme anche all'aeroporto di Dallas, di cui una parte è stata brevemente evacuata dopo che è stato individuato un furgone pieno di armi. In breve si è però scoperto che era materiale per un documentario della serie "Sons of Guns" dell'emittente TV Discovery Channel.

E ancora, all'aeroporto di Kansas City un ex agente di polizia è stato arrestato dopo che nel suo bagaglio erano stati individuati oggetti sospetti, che poi sono risultati innocui; mentre a Brooklyn, un tratto della Court Street è stato chiuso per un pacco che sembrava essere una bomba e che invece era solo una scatola vuota.

La lista sarebbe ancora lunga, e di certo si allungherà ancora nei prossimi giorni, poiché secondo varie fonti il livello di sicurezza rimarrà molto alto di certo ancora a lungo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?