Navigation

5G: rischio di flop, vertici operatori telecom da Sommaruga

Molte nuvole nel cielo del 5G svizzero. KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 13 settembre 2020 - 16:15
(Keystone-ATS)

Flop 5G in Svizzera? Gli operatori telecom faticano a introdurre la telefonia mobile di nuova generazione. La settimana prossima cercheranno di sbloccare la situazione con un incontro con la consigliera federale Simonetta Sommaruga, riferisce il SonntagsBlick.

Nel febbraio 2019 la Svizzera è stata uno dei primi paesi al mondo a mettere all'asta le frequenze, ricorda il domenicale. Oggi però poco più del 2% della popolazione utilizza il 5G. I rappresentanti del settore danno la colpa ai limiti di radiazione esistenti per le antenne di telefonia mobile: a loro avviso solo innalzandoli sarà possibile introdurre una rete 5G a livello nazionale.

I presidenti della direzione dei tre principali operatori del ramo nei prossimi giorni incontreranno la responsabile del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC). Lotteranno con ogni mezzo, secondo il SonntagsBlick. In dichiarazioni rilasciate al periodico, il numero uno di Sunrise André Krause attacca nel frattempo il governo, reo a suo avviso di essere troppo passivo sul tema.

Ma anche se i limiti venissero innalzati la copertura completa 5G in Svizzera sarebbe ancora ben lungi dall'essere una realtà: in tal caso sarebbe infatti necessario un nuovo permesso di costruzione per ciascuna delle antenne la cui potenza di trasmissione deve essere aumentata, spiega il domenicale sulla base di informazioni raccolte presso l'Ufficio federale dell'ambiente. Oggi nella Confederazione vi sono 20'000 antenne.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.