Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ha preso il via ieri a Lenk, nell'Oberland bernese, la 75esima edizione del campo di sci per giovani. I 600 ragazzi di 13-14 anni trascorreranno una settimana bianca gratuita e potranno stringere contatti con coetanei di altri cantoni e regioni linguistiche.

All'evento partecipano anche 75 giovani svizzeri che vivono all'estero. La tradizionale settimana bianca della gioventù svizzera (JUSKILA), organizzata da Swiss-Ski, è iniziata alla presenza del nuovo presidente della Confederazione Johann Schneider-Ammann, invitato ufficialmente dall'Organizzazione degli svizzeri all'estero (OSE).

I 600 ragazzi sono stati scelti mediante sorteggio: avranno l'occasione - dal 2 al 9 gennaio - di scoprire i segreti degli sport invernali. "Lo sport è una scuola di vita: ci insegna a conoscere i nostri limiti e a non mollare quando le cose non vanno come si vorrebbe", ha dichiarato davanti ai presenti Schneider-Ammann, secondo la versione scritta del discorso.

L'OSE precisa in una nota che i 75 giovani svizzeri all'estero provengono da tutto il mondo: tra gli altri vi sono partecipanti dal Canada, dal Sudafrica, dal Cile e dalla Svezia, e rappresentano tutte le regioni linguistiche del paese.

L'idea del campo da sci per giovani è nata nel 1940. Elsa Roth, allora responsabile del segretariato centrale e in seguito direttrice di Swiss-Ski, era alla ricerca di una possibilità di garantire all'associazione un'attività sensata nonostante la guerra, in particolare promuovendo maggiormente lo sport tra i giovani.

Negli ultimi 75 anni hanno partecipato al campo circa 45'000 ragazzi e ragazze. Annualmente si annunciano circa in 1500. Il soggiorno sciistico invernale è possibile grazie a sponsor, donazioni e contributi di numerosi volontari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS