Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

A Istanbul vertice sulla Siria, "serve soluzione politica"

Una soluzione alla crisi in Siria può essere solo politica, non militare. E per raggiungerla, entro la fine dell'anno si dovrà formare una commissione costituente.

Per la prima volta attorno allo stesso tavolo, i leader di Germania, Russia, Turchia e Francia provano a rilanciare il dialogo per porre fine a un conflitto che dura da 7 anni e mezzo. Seduti fianco a fianco, Angela Merkel, Vladimir Putin, Recep Tayyip Erdogan e Emmanuel Macron sollecitano un'iniziativa internazionale sponsorizzata dall'Onu. "Ma sarà uno dei processi politici più complicati" di sempre, avverte pragmatica la cancelliera tedesca.

La dichiarazione congiunta firmata dai quattro leader punta sulla costituente che, ricorda il presidente russo, era già stata concordata a Sochi dal terzetto di Astana - oggi assente, ma opportunamente evocato, l'Iran. Il nodo resta quello dei componenti. Oltre allo scontro tra Damasco - che "per rispetto" bisogna chiamare "il governo, non il regime", ammonisce Putin - e l'opposizione, resta il veto assoluto di Erdogan sui curdi.

Una scadenza ora comunque c'è: per evitare un nuovo flop, i lavori dovranno essere lanciati entro due mesi. Sarebbe il preludio al necessario passo successivo: "elezioni libere" in cui saranno i siriani a decidere del proprio futuro, con l'inevitabile monitoraggio delle Nazioni Unite.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.