Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Si chiama 'ZabKab' ed è la nuova app che serve a chiamare i taxi a New York. Addio, quindi alla tradizionale alzata di braccio: ora basta uno smartphone e il tassista più vicino arriva in men che non si dica.

'ZabKab', che è disponibile sia per Apple che per Android, sfrutta la tecnologia Gps per aiutare gli utenti a rintracciare una vettura gialla nel giro di cinque isolati dalla loro posizione. L'app è semplicissima da usare. Basta aprirla e cliccare su 'hail' (chiamare). A quel punto viene emesso un suono e un avviso che sarà visibile anche sul telefono del tassista dove comparirà una mappa che gli mostra la posizione del cliente.

Unico inconveniente per ora sembra essere che i tassisti non sono obbligati a far salire le persone che hanno effettuato la chiamata. ZabKab è gratuita per i passeggeri, i tassisti invece devono pagare tra i 9 dollari e 95 e i 14 e 95 per il software. Al momento più di mille tassisti, su 52 mila operanti in città, hanno scaricato l'applicazione. L'app arriva solo un paio di mesi dopo che l'iniziativa della 'Taxi and Limousine Commission', che aveva avviato la valutazione di alcune proposte per introdurre un'app telefonica attraverso la quale i clienti potessero chiamare i taxi semplicemente cliccando sul proprio smartphone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS