Navigation

A un mese da esplosione Beirut si cerca ancora sotto macerie

A Beirut si scava ancora sotto le macerie un mese dopo la terribile esplosione KEYSTONE/AP/Bilal Hussein sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 settembre 2020 - 10:03
(Keystone-ATS)

Un mese esatto dopo la micidiale esplosione del porto di Beirut, in Libano, si cerca ancora alla ricerca di eventuali superstiti sotto le macerie dei palazzi distrutti nel centro della capitale libanese.

Lo riferiscono stamani media locali citando fonti dell'esercito libanese e della protezione civile, impegnati con soccorritori stranieri nella ricerca disperata di sopravvissuti.

Il bilancio ufficiale dell'esplosione del 4 agosto è di 190 uccisi e 6.500 feriti ma all'appello mancano almeno sette persone: tre libanesi, tre siriani e un egiziano.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.