Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il municipio di Aarburg (AG) esige dal canton Argovia una licenza edilizia per l'apertura del nuovo centro per richiedenti l'asilo previsto sul suo territorio. Le autorità cantonali presenteranno ricorso, ma prevedono ritardi nell'apertura della struttura.

I controlli effettuati nella palazzina appena rinnovata che è stata affittata dal Dipartimento della sanità e della socialità (DGS) hanno mostrato diverse lacune, scrive oggi il municipio di Aarburg in una nota. Per l'apertura del centro - che da metà maggio dovrebbe ospitare fino a 90 persone, provenienti soprattutto dalla Siria - manca inoltre l'autorizzazione cantonale sulla protezione contro gli incendi.

L'esecutivo comunale ricorda nella nota che un eventuale ricorso del cantone non avrà effetto sospensivo. I richiedenti l'asilo non potranno pertanto utilizzare il nuovo centro fino a quando non saranno rilasciate le necessarie licenze.

Il cantone ricorrerà contro la disposizione del comune relativa alle licenze, ha detto all'ats il portavoce del DGS Balz Bruder. La prima istanza di ricorso è l'ufficio cantonale delle costruzioni, ha aggiunto il portavoce, che prevede a questo punto ritardi nell'apertura del centro.

SDA-ATS