Navigation

Abu Mazen fissa a 18 anni età minima per i matrimoni

Non più spose-bambine. KEYSTONE/AP/ODED BALILTY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2019 - 18:20
(Keystone-ATS)

Accogliendo le richieste giunte da gruppi di pressione femminili e da organizzazioni per i diritti umani, il presidente palestinese Abu Mazen ha oggi pubblicato un decreto con cui ha elevato a 18 anni l'età minima per i matrimoni, sia per i maschi che per le femmine.

Lo rende noto l'agenzia di stampa Maan. Il decreto prevede alcune eccezioni, ma solo "in casi specifici". La misura, aggiungono alcuni osservatori, sarà necessariamente rispettata anche a Gaza, malgrado la Striscia si trovi sotto l'amministrazione del movimento islamico Hamas. Matrimoni che contravvenissero a questa disposizione, secondo gli osservatori, non saranno più registrati dall'anagrafe centrale palestinese, che si trova in Cisgiordania.

Il decreto di Abu Mazen consente inoltre alle madri di aprire conti bancari per i figli minorenni, di compiervi depositi, prelevare fondi ed eventualmente chiuderli. Anche questo viene visto come un passo avanti nella emancipazione femminile.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.