Navigation

Accordi fiscali: ASNI decide 15 giugno su referendum

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 maggio 2012 - 19:17
(Keystone-ATS)

Il comitato direttivo dell'Azione per una Svizzera neutrale e indipendente (ASNI) deciderà dopo le votazioni finali del parlamento, venerdì 15 giugno, se lanciare il referendum contro gli accordi fiscali con Germania, Gran Bretagna e Austria. L'organizzazione agirà indipendentemente da eventuali mosse dell'UDC o di rappresentanti delle banche, si legge in un comunicato odierno.

Secondo l'ASNI tali intese toccano questioni relative alla sovranità e non solo economiche: i cittadini elvetici devono quindi potersi esprimere.

Intanto la Gioventù socialista svizzera (GISO) ha fatto sapere che il suo presidente, David Roth, proporrà nella prossima riunione della direzione del PS il lancio del referendum da parte del partito. Secondo Roth - citato in una nota - gli accordi non sono altro che un disperato tentativo di salvare una parte dei parassitari modelli d'affari delle banche svizzere.

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?

Non è stato possibile registrare l'abbonamento. Si prega di riprovare.
Hai quasi finito… Dobbiamo verificare il tuo indirizzo e-mail. Per completare la sottoscrizione, apri il link indicato nell'e-mail che ti è appena stata inviata.

Scoprite ogni settimana i nostri servizi più interessanti.

Iscrivitevi ora per ricevere gratuitamente i nostri migliori articoli nella vostra casella di posta elettronica.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.