Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un piano congiunto per ridurre l'enorme afflusso di migranti sulla rotta dei Balcani. È quanto ha concordato oggi l'Austria con i nove Paesi dei Balcani occidentali invitati a un summit organizzato da Vienna per cercare di risolvere la crisi dei rifugiati.

I dieci paesi che hanno partecipato alla riunione hanno deciso di sostenersi l'un l'altro mediante l'invio di agenti di polizia nelle zone di confine particolarmente colpiti dai flussi migratori.

Si è inoltre concordato di unificare i criteri per la registrazione e l'espulsione dei rifugiati. "Non possibile continuare a lasciare passare i migranti attraverso la via più veloce verso l'Europa centrale", ha detto il ministro degli Esteri austriaco, Sebastian Kurz, al termine del meeting.

Alla riunione sono stati invitati i ministri di Albania, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Kosovo, Croazia, Macedonia, Montenegro, Serbia e Slovenia. Mentre è stata esclusa la Grecia che ha definito la decisione "unilaterale e non amichevole" che dà l'impressione di voler "accelerare in nostra assenza decisioni che ci riguardano direttamente".

Kurz ha tuttavia difeso la riunione di Vienna affermando di non credere che manchino i vertici in Europa: "quello che manca è piuttosto la volontà di ridurre in modo deciso il flusso di migranti".

Mentre il ministro degli Interni austriaco Johanna Mikl-Leitner ha sottolineato che "anche se non esiste una soluzione europea comune e voluta da tutti, è necessario esercitare una pressione attraverso misure nazionali e regionali, per creare una reazione a catena".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS