Navigation

Addio a Chadwick Boseman, supereroe di Black Panther

È morto Chadwick Boseman, attore noto in tutto il mondo per il suo ruolo in "Black Panther". KEYSTONE/AP/Chris Pizzello sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 agosto 2020 - 17:30
(Keystone-ATS)

Come altri super-eroi, Chadwick Boseman aveva una vulnerabilità: la kryptonite per il re di Wakanda è stato un tumore al colon.

Per quattro anni, anche quando nel 2018 girava il ruolo di T'Challa in "Black Panther", l'attore aveva lottato per sopravvivere al cancro che lo aveva colpito nel 2016 e che ieri lo ha ucciso a soli 43 anni.

Boseman è morto in casa a Los Angeles: ad accompagnarlo nell'ultimo viaggio, la giovane moglie Taylor, sposata di recente in segreto, e il resto della famiglia. Toccante la coincidenza, nel giorno in cui la Major League di baseball celebrava la figura di Jackie Robinson, il primo nero ad avere sfondato la barriera della razza nello sport nazionale americano e l'ispirazione di "42", il film che lo aveva fatto sfondare a Hollywood.

Chadwick aveva sempre mantenuto il riserbo sulla diagnosi da quando, nell'anno in cui aveva vestito per la prima volta i panni di T'Challa nel film Marvel "Captain America: Civil War", si era ammalato. Tra interventi chirurgici e sessioni di chemioterapia, oltre a "Black Panther" aveva girato "Marshall", sul primo giudice nero della Corte Suprema Thurgood Marshall e "Da 5 Bloods" di Spike Lee, fino all'ultimo "Ma Rainey's Black Bottom" con Viola Davis, filmato la scorsa estate e che uscirà postumo.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.