Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Cresce la domanda nel settore del traffico aereo. Secondo i dati di agosto comunicati dalla Iata (International Air Transport Association) l'aumento del mercato complessivo è pari al 6,8% rispetto ad agosto 2012, con quello nazionale in crescita del 5,6% e quello internazionale del 7,5%.

Positivo anche il dato relativo al load factor, vale a dire il coefficiente di occupazione degli aerei, salito all'83,4%, stesso record raggiunto nel luglio del 2011.

Su base annua, invece, la domanda risulta in aumento del 5,1%, con il mercato nazionale in crescita del 4,8% e quello internazionale del 5,2%.

Il mercato internazionale, nel dettaglio, ad agosto ha registrato una capacità in crescita del 5,6% e un load factor pari all'84% (+1,5%). Tutte le macroaree vanno bene: i vettori Asia-Pacifico sono cresciuti dell'8,6%, quelli europei del 5,4% (con un load factor pari all'86,4%), le linee nordamericane hanno registrato una domanda in crescita del 5,1%.

Ma la performance più interessante è quella delle compagnie del Medio Oriente, cresciute del 15,1% grazie al fatto che il Ramadan quest'anno è caduto in luglio. Molto positivo anche l'andamento dei vettori sudamericani (+9,8%), mentre quelli africani hanno registrato un incremento del 5,4%. Per quanto riguarda invece il mercato domestico significativi sono gli andamenti di Cina (+13,7%), India (+15,7%) e Giappone (+8,8%).

"Agosto è stato un mese positivo", afferma nella nota il direttore generale e Ceo della Iata, Tony Tyler, secondo cui la solida performance è stata sostenuta anche da una "rinnovata fiducia in Europa e Nord America". Infatti, malgrado gli alti prezzi del petrolio, la forte concorrenza e gli ostacoli regolatori, "la crescita della domanda rimane un punto luminoso con molte indicazioni per una accelerazione nel quarto trimestre".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS