Navigation

Aerei da combattimento: capo dell'esercito è per votazione popolare

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 novembre 2011 - 12:40
(Keystone-ATS)

A differenza del Parlamento, il capo dell'esercito André Blattmann ritiene che sarebbe "giusto e importante" che il popolo svizzero si esprimesse sull'acquisto di nuovi aerei da combattimento. "Una decisione popolare darebbe legittimità" all'acquisizione, ha dichiarato in un'intervista alla "SonntagsBlick".

A causa della crisi economica, il momento è "propizio" per comperare i velivoli da combattimento, ha aggiunto Blattmann. Il contratto con i fornitori prevede in effetti una contropartita per le imprese svizzere all'estero. "Se non riuscissimo a convincere il popolo, sarebbe soltanto colpa nostra", ha precisato al domenicale svizzerotedesco.

In settembre, il Parlamento ha deciso che l'acquisto dei 22 aerei dell'esercito non sarà sottoposto a referendum. La scelta del tipo di apparecchi dovrebbe essere fatta entro la fine dell'anno. Parallelamente, il governo vuole esporre in dettaglio le conseguenze finanziarie di questo acquisto.

In seguito alla decisione delle Camere, diversi consiglieri federali hanno fatto sapere che questa acquisizione comporterà dei risparmi "obbligati" in altri settori. I più toccati potrebbero essere le infrastrutture, la formazione e la ricerca, nonché l'aiuto allo sviluppo.

La settimana scorsa, i direttori cantonali della pubblica educazione hanno già espresso la loro preoccupazione. Le spese più elevate del previsto per l'esercito non devono in nessun modo provocare tagli nei conti destinati alla formazione.

Il capo dell'esercito condivide l'opinione ribadita ieri dai Verdi, durante la loro assemblea dei delegati, di votare su questo tema controverso. Secondo gli ecologisti, se la decisione del Consiglio federale fosse sottoposta a referendum, il partito ne lancerebbe uno. In caso contrario, i Verdi sosterranno un'iniziativa che chiede una moratoria sull'acquisto di nuovi jet.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?