Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Pompieri e poliziotti sul luogo dove è precipitato il Coronado CV-990 della Swissair.

Keystone/STR

(sda-ats)

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha ricevuto una richiesta per la riapertura dell'inchiesta nel "caso Würenlingen": il 21 febbraio 1970 una bomba fece schiantare a terra un velivolo da poco decollato da Kloten (ZH) , provocando la morte di 47 persone.

Quello di Würenlingen è considerato il più grave atto terroristico che ha interessato la Svizzera: i presunti responsabili - legati all'OLP - erano noti, ma non sono mai stati processati.

Secondo quanto scrive oggi la "Neue Zürcher Zeitung", la richiesta rivolta al MPC è motivata da un rapporto dell'FBI che tira in ballo nuovi sospettati: due cittadini dell'allora Germania Ovest che avrebbero dato man forte al commando palestinese.

L'MPC ha confermato all'ats l'inoltro della richiesta di riapertura del procedimento. La domanda deve ancora essere esaminata e i suoi autori saranno informati "a tempo debito" sul risultato, ha precisato un portavoce.

Il Coronado della Swissair era diretto a Tel Aviv. Si schiantò nella località argoviese a causa di una bomba esplosa nel bagagliaio grazie a un meccanismo collegato ad un altimetro. L'inchiesta stabilì che il pacco con la carica esplosiva fu spedito da Monaco, per un destinatario di Gerusalemme. I mittenti erano i cittadini giordani Sufian Radi Kaddoumi e Badawi Mousa Jahwer, che non sono però mai finiti davanti a un tribunale.

In un libro pubblicato all'inizio del 2016, il giornalista della NZZ Marcel Gyr sostiene la tesi che fra la Svizzera e l'Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP) fu raggiunto nel settembre 1970 un accordo segreto che di fatto insabbiò l'inchiesta contro i due presunti responsabili dell'attentato.

L'accordo segreto, deciso durante il sequestro di un altro aereo Swissair e altri due velivoli nel deserto giordano, sarebbe stato raggiunto dall'allora consigliere federale Pierre Graber (PS) - senza chiedere il parere dei colleghi di governo - in un incontro con il responsabile degli affari esteri dell'OLP, Farouk Kaddoumi, organizzato a Ginevra dall'ex consigliere nazionale Jean Ziegler (PS).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS