Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il copilota dell'aereo Air Asia precipitato il 28 dicembre nel mar di Giava con 162 persone a bordo era ai comandi del velivolo al momento della tragedia: lo ha reso noto la Commissione sulla sicurezza dei trasporti nazionali indonesiani, secondo quanto riporta la Cnn online.

Il pilota, ha aggiunto la commissione, monitorava il volo e la tragedia sarebbe avvenuta nell'arco di soli tre minuti e 20 secondi. Pochi minuti prima della sciagura l'aereo volava a un'altitudine di 32.000 piedi (9.753 metri) e il pilota ha chiesto di potersi portare a 38.000 piedi, ha precisato la commissione nel corso di una conferenza stampa.

Il volo QZ8501 si è portato quindi a un'altitudine di 37.400 piedi con un'ascesa molto rapida durata circa 30 secondi, secondo i dati emersi dalle scatole nere. È a questo punto che il computer di bordo ha emesso l'allarme 'stallo, stallo', per indicare appunto una situazione di stallo aerodinamico provocata dalla ripida ascesa, e pochi minuti dopo l'aereo è precipitato in mare.

Martedì scorso le Forze armate indonesiane hanno sospeso le operazioni di recupero dell'aereo. Nei giorni scorsi, i tentativi di recuperare la fusoliera con palloni per portarla in superficie erano falliti. Finora sono stati recuperati 72 corpi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS