Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una soluzione che regoli il conflitto fiscale fra Svizzera e Francia sull'aeroporto di Basilea-Mulhouse deve essere trovata entro il 2016. I due Paesi hanno firmato oggi una dichiarazione congiunta a margine del Forum economico mondiale (WEF) di Davos (GR). Se i principi saranno adottati, le compagnie aeree rimarranno sottoposte al regime fiscale elvetico. Le altre imprese attive nello scalo saranno invece tassate dalla Francia.

Approvando il documento, il responsabile della diplomazia elvetica Didier Burkhalter e il suo omologo francese Laurent Fabius hanno effettuato "un passo importante in svita di un accordo", si legge in un comunicato odierno del Dipartimento federale degli affari esteri.

L'obiettivo comune di Svizzera e Francia è garantire la sicurezza giuridica e mantenere l'attrattiva dell'aeroporto, che è nel contempo polo economico, datore di lavoro importante e infrastruttura essenziale per tutta la regione transfrontaliera.

L'aeroporto impiega circa 6000 persone, delle quali più di 4500 nel settore svizzero, dove operano anche oltre 60 imprese elvetiche. Lo scalo è il secondo maggiore datore di lavoro del dipartimento alsaziano dell'Alto Reno, continua la nota.

Accettando che le compagnie aeree vengano sottoposte al regime elvetico, Parigi abbandona la propria linea intransigente. Lo stato francese aveva infatti unilateralmente deciso di applicare a tutti i voli svizzeri in partenza il proprio regime fiscale, argomentando che l'aeroporto si trova sul proprio territorio.

Una minaccia che aveva fatto sobbalzare l'aeroporto e le stesse compagnie aeree. Lo scalo temeva che le compagnie riducessero la propria offerta facendo perdere centinaia di migliaia di passeggeri, oltre a numerosi impieghi. Anche la britannica EasyJet, che rappresenta il 51% del traffico aereo, aveva criticato la decisione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS