Navigation

Aeroporto Berna: compagnia virtuale per sopravvivere, "un successo"

Piani ambiziosi per la nuova compagnia. sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 novembre 2019 - 12:02
(Keystone-ATS)

Primo importante successo per l'aeroporto regionale di Berna, che - come quello di Lugano - sta lottando per la sua sopravvivenza: in 29 giorni la nuova compagnia aerea Flybair ha raccolto 1 milione di franchi presso la popolazione e può avviare l'attività.

Possono già essere prenotati i primi viaggi, mentre continua la ricerca di ulteriori investitori, ha indicato oggi Flughafen Bern, la società di gestione dello scalo.

Duramente colpito dal fallimento, nel 2018, dell'aviolinea bernese Sykworks, l'aeroporto aveva annunciato l'intenzione di attivare una compagnia cosiddetta virtuale, che non dispone di apparecchi propri, ma li noleggia. È nata così Flybair, che a partire da maggio proporrà voli verso località turistiche. I velivoli vengono messi a disposizione da German Airways e il vettore elvetico Lions Air si occupa degli aspetti operativi.

Per sostenere il progetto il primo novembre è stato lanciato un crowdfunding, cioè una raccolta di denaro presso il grande pubblico. L'operazione ha avuto successo: fino ad oggi è entrato un milione di franchi. "Ci rallegriamo di aver potuto raggiungere questa tappa intermedia già prima della scadenza del 2 dicembre e ringraziamo i quasi 1400 bernesi e l'economia locale che hanno mandato un segnale forte", afferma Beat Brechbühl, presidente del consiglio di amministrazione di Flughafen Bern, citato in una nota.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.